ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: per il premier Erdogan sono estremisti a guidare le proteste

Lettura in corso:

Turchia: per il premier Erdogan sono estremisti a guidare le proteste

Dimensioni di testo Aa Aa

“Cercheremo di ricondurre i manifestanti alla ragione. Se non dovesse accadere prenderemo i necessari provvedimenti”. Sono minacce neppure troppo velate quelle del premier turco Recep Tayip Erdogan che dalla sala stampa dell’aeroporto Atatürk di Istanbul ha voluto esprimersi sulle proteste che da qualche giorno scuotono la Turchia. Erdogan lo ha detto prima di partire per una tournée di 4 giorni nei paesi del Magreb. Un viaggio con lo scopo di intensificare le relazioni strategiche e commerciali.

“Sappiamo chi sono quelli che protestano. Parleremo con i loro leaders e faremo il necessario per riportare la pace nel paese”, ha detto. Parole che segnalano il nervosismo dell’esecutivo alle prese con le proteste più violente dall’insediamento di Erdogan al potere da diversi anni. Proteste che hanno attecchito in centinaia di città, contro la svolta filo-islamica del premier che, a fine mandato, punta alla presidenza della Repubblica, ruolo per cui ha bisogno del sostegno del suo AKP, ma anche dei voti della destra religiosa.

Erdogan si è scagliato contro i social network che non rispettano il blackout informativo dei media tradizionali, definendoli “pericolosi e bugiardi”. La cosa potrebbe presagire nuove misure di limitazione personale e la messa all’indice di altri siti che farebbero la fine di youtube, inaccessibile in Turchia.