ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: Erdogan mette all'indice Facebook e Twitter "veicolo di disinformazione"

Lettura in corso:

Turchia: Erdogan mette all'indice Facebook e Twitter "veicolo di disinformazione"

Dimensioni di testo Aa Aa

Si sveglia in una calma fasulla Ankara. La nettezza urbana cerca di cancellare i segni di quello che è accaduto poche ore prima quando gli scontri fra manifestanti e polizia hanno incendiato fino a notte fonda le strade della capitale turca, facendo almeno 500 feriti. Centinaia di persone sono state fermate. Qui come a Istanbul, capitale culturale del paese, in migliaia hanno protestato contro la svolta pro-islamica del premier Recp Tayip Erdogan sfilando, birra alla mano, proprio per denunciare il giro di vite che considerano liberticida, imposto dall’esecutivo a guida AKP.

A nulla servono i richiami del premier che ha attaccato i social network. Questi veicolerebbero false informazioni mentre i media tradizionali hanno cercato di mostrare il meno possibile di una protesta che ha assunto ormai proporzioni endemiche e che non più essere derubricata a protesta di frange estremiste come dice il governo. Eppure Erdogan non ha rinunciato al suo viaggio di 4 giorni nei paesi del Maghreb. Viaggio con lo scopo di intensificare le relazioni commerciali e strategiche, che inizia oggi in Marocco.