ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: a piazza Taksim meno manifestanti, ma resta il rischio di nuovi scontri

Lettura in corso:

Turchia: a piazza Taksim meno manifestanti, ma resta il rischio di nuovi scontri

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono meno numerosi ma ancora presenti i manifestanti a piazza Taksim. Istanbul si è svegliata in un’atmosfera di relativa calma dopo i violenti scontri con la polizia e ora è il momento di bilanci, con resoconti, però, discordanti.

Secondo le autorità turche i feriti sarebbero 79, tra cui 26 agenti. Amnesty International parla di due morti, notizia però da confermare. Almeno un migliaio i feriti secondo alcune fonti, anche queste però non confermate.

In questi ultimi giorni sono scese in piazza decine di migliaia di persone che hanno nutrito un movimento di protesta senza precedenti per il governo islamico moderato di Recep Tayyip Erdogan.

Pur ammettendo errori ed eccessi da parte della polizia, il premier ha ribadito la volontà di procedere con il progetto di riqualificazione dell’area intorno a Piazza Taksim, al centro di una protesta trasformatasi in una contestazione a livello nazionale contro un governo considerato ormai autoritario.

Nel corso delle manifestazioni sono state fermate quasi mille persone, alcune delle quali già rilasciate. Difficile per ora prevedere gli sviluppi di una mobilitazione che ha intaccato l’immagine di un premier finora potentissimo.