ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aprile, consumi in calo in Germania e Francia

Lettura in corso:

Aprile, consumi in calo in Germania e Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

La primavera latita e con essa anche gli acquisti tipici della bella stagione. A certificarlo sono i dati delle vendite al dettaglio di aprile in Germania, calate dello 0,4% rispetto al mese precendente.

Spiazzati gli analisti, i quali prevedevano un aumento dello 0,2% e che addebitano il dato a un clima insolitamente freddo (anche per Berlino e dintorni, s’intende). I prezzi della verdura e della frutta di stagione sono saliti di conseguenza e le famiglie, spiegano, hanno deciso di fare economia.

Anche a Parigi il tempo non è stato clemente, ma, a incidere sul calo dei consumi delle famiglie francesi di aprile (-0,3%) è stato anche un altro fattore. Nel precedente mese di marzo si erano concentrate le spese per le festività pasquali, per cui, dicono gli economisti, il calo – in particolar modo delle spese alimentari – è fisiologico.

In aumento le spese per il riscaldamento, tengono quelle di automobili, mentre deludono gli acquisti di abiti. Difficile pensare ad un completo estivo da comprare con questo tempo.

Situazione simile, insommam nelle due principali economie della zona euro. Una differenza fondamentale si registra, però, dal punto di vista del morale dei consumatori: in Germania un recente sondaggio rivela che la voglia di spendere è ai massimi dal 2007, mentre in Francia l’indice che misura la fiducia delle famiglie è sceso a 79 punti, ai minimi dal 2008.