ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, il Consiglio Onu per i diritti umani adotta una risoluzione

Lettura in corso:

Siria, il Consiglio Onu per i diritti umani adotta una risoluzione

Dimensioni di testo Aa Aa

Il voto chiede al governo siriano di mettere fine all’uso di armi pesanti sui civili. Il provvedimento riguarda in particolare le azioni militari che vedono bersagliata la città di Qusair, nell’ovest della Siria, località in mano ai ribelli.

La risoluzione, pero’, mette in evidenza le contrapposizioni diplomatiche nella comunità internazionale. Scontata la posizione del governo siriano: “Tutto questo è una farsa, il carnefice si finge vittima e si erge a giudice”, dice il rappresentante del regime, a proposito degli oppositori. Quanto alla Coalizione Nazionale Siriana, che guida dall’estero il movimento anti Bashar, si prepara tra molte difficoltà interne a partecipare al vertice internazionale che Stati Uniti e Russia stanno organizzando per giugno a Ginevra.

“Non poniamo precondizioni”, afferma un portavoce degli oppositori. “Ma stiamo cercando di preparare il terreno per negoziati fruttuosi. Non dobbiamo concedere a Bashar al-Assad altro tempo per uccidere ancora piu’ siriani”. La risoluzione votata mercoledi’ ha fatto infuriare la Russia, che minaccia ora di boicottare la road map delle trattative. E gli stessi oppositori siriani, dopo un lungo vertice a Istanbul, hanno avanzato una richiesta vincolante per partecipare alla conferenza di Ginevra. Richiesta destinata a indisporre specialmente la Russia: l’impegno da parte della comunità internazionale in vista dell’estromissione di Bashar al-Assad.