ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terza "Notte da leoni", con ritorno a Las Vegas

Lettura in corso:

Terza "Notte da leoni", con ritorno a Las Vegas

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo capitolo ne ha fatto delle star, Bradley Cooper soprattutto, ma anche Ed Helms e Zach Galifianakis. Il secondo non ha deluso i fan della prima ora, consolidando il successo della serie. Che con “Una notte da leoni 3” dovrebbe concludersi.

I rapporti tra i membri del cast hanno cominciato ad assomigliare sempre più a quelli dei personaggi, come spiega il regista Todd Phillips:
“Gli ultimi giorni in cui abbiamo girato sono stati davvero gioiosi. Siamo stati insieme per cinque o sei anni e davvero ci vogliamo bene. È davvero un bel gruppo. In realtà non c’era grande tristezza perché tre giorni dopo ero con Ed e Bradley a Parigi per Capodanno. Come se ci frequentassimo da sempre”.

Sensazioni condivise da Bradley Cooper: “È una sensazione agrodolce. Quando abbiamo cominciato la promozione a Las Vegas eravamo choccati di quanto è stato emozionante. È bello avere queste due settimane in giro per salutarci”.

Per chiudere il cerchio, Phil, Stu, Alan e Doug devono tornare lì dove le loro disavventure sono cominciate. A Las Vegas.

Questa volta non ci sono addi al celibato o matrimoni da celebrare. I quattro amici si trovano, loro malgrado, coinvolti a eseguire un lavoro per conto di un gangster, interpretato da John Goodman.

Se il sodalizio fra tre uomini è al centro di questo, come dei film precedenti, l’elemento femminile non può mancare. Ed è costituito da Heather Graham che sa, però, bene di essere una comprimaria:

“È una storia di fratellanza, no? Di amicizia. C‘è l’amico pazzo, l’amico virile, l’amico nerd. È un legame di amicizia”.

Gag politicamente scorrette, situazioni oltre i limiti dell’assurdo e qualche trivialità caratterizzano sono, al di là della trama, il succo di questo terzo capitolo. “Una notte da leoni 3” è nelle sale italiane dal 30 di maggio. In contemporanea con la maggior parte d’Europa.