ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Suonano le sirene in Israele, esercitazione su scala nazionale

Lettura in corso:

Suonano le sirene in Israele, esercitazione su scala nazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Israele sotto attacco, ma è solo un’esercitazione. Non è la prima volta che si simula, su scala nazionale, un lancio di missili dalla Siria, dal Libano e dalla Striscia di Gaza. Ma ‘Turning point’ – Punto di svolta – questo il nome dell’operazione, arriva in un momento critico per la regione e suona come un avvertimento ai Paesi vicini e ai loro alleati – Russia compresa – Israele è pronta ad affrontare qualsiasi scenario.

“Viviamo in una realtà in continua evoluzione e profondiamo tutto il nostro impegno in queste continue esercitazioni per contrastare le minacce vecchie e nuove – ha detto il premier israeliano, Benjamin Netanyahu che ha seguito sul campo le operazioni – Agiamo con esperienza, saggezza e responsabilità, preparandoci a ciò che potrebbe accadere”.

La simulazione prevede il coinvolgimento della Difesa, delle amministrazioni municipali e delle strutture di soccorso. Anche nelle scuole al suono della sirena, gli studenti hanno seguito le procedure previste in caso di attacco con armi chimiche.

“Queste esercitazioni sono importanti – sostiene Yoni, 11 anni – perché ci abituano a essere pronti e aiutano i bambini a non avere paura”.

Per la prima volta, il Comando del Fronte interno ha utilizzato sms, social networks e le reti televisive per avvisare i cittadini di recarsi nelle aree protette.