ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: esercito e Hezbollah avanzano a Qusair, Francia testa uso armi chimiche

Lettura in corso:

Siria: esercito e Hezbollah avanzano a Qusair, Francia testa uso armi chimiche

Dimensioni di testo Aa Aa

L’intervento dei combattenti di Hezbollah al fianco dell’esercito di Assad intensifica gli scontri a Qusair, ancora in mano ai ribelli siriani.

Le forze lealiste avanzano nel cuore della città, la cui conquista permetterebbe all’esercito di Damasco di puntare verso Homs, roccaforte degli insorti.

La guerra civile siriana si combatte principalmente nelle zone di confine. Il Libano è il Paese più coinvolto, mentre nel nordest l’esercito iracheno ha attaccato i miliziani di Al Qaeda, alleati dei jiadhisti siriani.

Sono circa 100 i morti nelle ultime 24 ore, metà dei quali segnalati al confine con il Libano. E dalla Francia monta sempre più forte il sospetto che siano state usate armi chimiche nei combattimenti.

Dal fronte si moltiplicano le denunce di coloro che accusano problemi respiratori: “Dopo l’attacco, ho pensato che i miei polmoni stessero per esplodere – racconta Faris Kosa, ricoverato in ospedale per una dopo un bombardamento – Sono caduto e non potevo respirare. Ero accecato e in coma. Tutto intorno a me era nero”.

Il governo di Parigi sta testando dei campioni prelevati dai giornalisti del quotidiano Le Monde e divulgherà i risultati nei prossimi giorni.

Al momento, secondo quanto rivelato da Francia, Stati Uniti e Regno Unito esistono indizi ma non prove certe dell’utilizzo di gas sarin.