ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sì di Damasco alla conferenza internazionale di pace

Lettura in corso:

Sì di Damasco alla conferenza internazionale di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo siriano accetta in via di principio di partecipare alla conferenza di pace internazionale, mentre l’opposizione insiste sulle dimissioni del presidente Bashar al Assad. Il vertice – promosso da Russia e Stati Uniti – dovrebbe tenersi a giugno a Ginevra. Ad annunciare la decisione di Damasco è stato il portavoce del ministero degli Esteri russo, che ha però criticato alcune prese di posizione espresse all’estero dall’opposizione siriana: “Gli incontri a Madrid e Istanbul – ha detto Alexander Lukashevich – non sono promettenti poiché è stata posta la pre-condizione delle dimissioni di Bashar al Assad per la formazione di un governo sotto la supervisione delle Nazioni Unite”.

L’opposizione siriana è riunita da ieri e per tre giorni a Istanbul per decidere sull’eventuale partecipazione alla conferenza: “Vorremmo sapere se questa delegazione ha la legittimità per prendere decisioni incluso il trasferimento del potere a questo governo ad interim con piene facoltà – ha detto Louay Safi – . Questo non è chiaro”.

Oltre alla richiesta delle dimissioni di Assad, la Coalizione Nazionale di dice contraria alla presenza di ex rappresentanti del regime nel futuro governo della Siria, dove oltre due anni di conflitto hanno già fatto almeno 80.000 morti.