ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Libano è scosso dalla "guerra d'importazione"

Lettura in corso:

Il Libano è scosso dalla "guerra d'importazione"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il bilancio dei morti a Tripoli, è arrivato a 23. Almeno cinque la scorsa notte. Centinaia i feriti. È il prezzo che il Libano sta pagando per importare la guerra civile siriana.

Tripoli è appena aldiquà della frontiera libanese. Le fazioni in lotta sono i sunniti di Bab al-Tabbaneh e gli alawiti di Jabal Mohsen.

“I semi della guerra sono già presenti in Libano, se la situazione in Siria peggiora le tensioni non faranno che aumentare e andranno ofuori controllo”, dice questo analista.

I sunniti appoggiano i ribelli. Gli alawiti sono schierati con il presidente Assad, loro correligionario. A infiammare gli animi, l’attacco dell’esercito siriano, rinforzato da uomini di Hezbollah, contro la cittadina di al-Qusayr, vicina al confine libanese.

Gli scontri rischiano di coinvolgere anche la componente cristiana, almeno in teoria estranea a questo conflitto.