ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Opera in salotto

Lettura in corso:

L'Opera in salotto

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Opera nel salotto di casa. È l’ultima moda a Berlino. Il fenomeno è stato lanciato da alcuni musicisti che propongono esibizioni a domicilio. I biglietti sono venduti online e l’indirizzo dell’ospite è rivelato solo all’ultimo momento. Ogni volta, a quanto pare, è un gran successo.

La fondatrice del gruppo è la mezzo soprano danese Hetna Regitze Bruun:

“Per un cantante fa una bella differenza, perché in queste condizioni si sente davvero il contatto con gli spettatori, si vede bene come reagiscono e si interagisce più facilmente. In un grande teatro dell’Opera, con una grande orchestra, il pubblico non lo vediamo per niente. È da qualche parte, laggiù nel buio”.

L’esperienza musicale è vissuta in modo diverso e più intenso anche da chi assiste al concerto:

“È davvero una cosa molto speciale, perché andando all’Opera mai si avrà mai la possibilità di essere così vicini ai cantanti. È una sensazione davvero particolare, anche perché il suono è più forte”.

Alla fine, generalmente gli spettatori restano, per mangiare o bere qualcosa e per scambiarsi impressioni. In fondo, questo tipo di spettacolo non è altro che una riscoperta di ciò che si faceva fino a tutto l’Ottocento. Con la differenza, però, che allora il concerto non era a pagamento, veniva offerto da un generoso padrone di casa. Oggi, il padrone di casa è Achim Anscheidt:

“È una cosa simpatica avere tanti ospiti e mi piace l’idea di far rivivere la tradizione del fare musica in casa. Normalmente si invitano gli amici per cena o per bere qualcosa. Invitarli per un concerto è ancora meglio”.

L’ingresso costa fra i 15 e i 30 euro, poco rispetto ai posti di prima fila nei principali teatri dell’Opera, in Germania e altrove.