ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oklahoma city e il peso della ricostruzione

Lettura in corso:

Oklahoma city e il peso della ricostruzione

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Apocalisse su Oklahoma City in america, proprio come quattordici anni fa, ha seminato morte e distruzione. Un tornado ha cancellato il sobborgo di Moore ed è stato, a detta dei metereologi, uno dei più devastanti della storia.

24 i morti e fra loro 10 bambini. Miliardi di dollari di danni e un comprensorio di 55.000 abitanti cancellato dalla cartina.

Alcuni sono riusciti solo a salvare la vita, ma hanno perso tutto il resto.

Per Glenn Lewis, il sindaco della città però: “bisogna ricostruire qui e non mollare perché questa è casa nostra e non ci sono altri pèosti dove andare. I disastri possono avvenire ovunque nel mondo, ma qui è dove siamo nati ed è qui che ricostruiremo”.

Le richieste di risarcimento alle compagnie di assicurazione ammonterebbero già ad oltre un miliardo di dollari. Ecco cosa resta della scuola elementare dove sono morti 9 bambini alcuni soffocati dai detriti.

Washington ha dichiarato lo stato di emergenza e e promesso di aiutare gli abitanti anche se questo potrebbe essere il tornado più costoso della storia degli USA in termini di danni. Le case potranno forse essere ricostruite, ma sarà difficile dimenticare quei maledetti 40 minuti che hanno distrutto le vite di migliaia di persone.