Skip to main content

| Condividere questo articolo
|

Ryan Christopher Fogle, diplomatico statunitense arrestato la scorsa settimana a Mosca con l’accusa di essere un’agente della Cia, ha lasciato la Russia. Era stato dichiarato persona non grata dopo essere stato sorpreso mentre cercava d’ingaggiare a Mosca un agente dei servizi segreti russi. Il Cremlino ha parlato di provocazione degna della guerra fredda.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
| Condividere questo articolo
|

Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?