ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oltre 40 morti in Iraq nella nuova ondata di violenza contro gli sciiti

Lettura in corso:

Oltre 40 morti in Iraq nella nuova ondata di violenza contro gli sciiti

Dimensioni di testo Aa Aa

Aumentano le vittime degli attentati avvenuti tra la notte di domenica e stamattina in Iraq: il bilancio complessivo è di 42 morti e 170 feriti.
A Bagdad sono esplose 8 autobomba, 5 nei quartieri sciiti della capitale. Dopo il ritiro degli americani a fine 2011, nelle ultime settimane si sono ripetuti attentati da parte di gruppi armati sunniti. A guidare questa nuova ondata di violenza ci sarebbe, secondo alcune fonti, Izzat Ibrahim al-Douri, fedele i collaboratore di Saddam Hussein, ricomparso dopo oltre un decennio di latitanza e intenzionato a cacciare il governo sciita.

Altri due attentati sono stati compiuti a Bassora, città del sud del Paese a prevalenza sciita.

Nel week end 24 agenti di polizia sono morti in scontri con miliziani armati nella provincia di Al Anbar, nell’ovest dell’Iraq. Dodici poliziotti che erano stati rapiti sono morti durante un tentativo di liberazione da parte dei loro colleghi, mentre altri 12 agenti sono stati uccisi in assalti contro due commissariati.