ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La testimonianza di Ruby sulle notti ad Arcore

Lettura in corso:

La testimonianza di Ruby sulle notti ad Arcore

Dimensioni di testo Aa Aa

Ruby in tribunale a Milano come teste nel processo a carico di Lele Mora, Nicole Minetti ed Emilio Fede, convocata in qualità di persona offesa del reato di induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile.

Karima El Mahroug, vero nome della giovane marocchina, ha raccontato ai giudici delle serate bunga bunga, delle buste ricevute, e dell’aiuto offerto da Silvio Berlusconi, dei quasi 60 mila euro per aprire un centro estetico.

Conferma di aver nascosto a tutti la minore età, di aver detto di essere parente di Mubarak. Rievoca la notte in questura, affidata a Nicole Minetti. La stessa ex consigliera regionale pdl che vide ad Arcore: vestita da suora e finita in biancheria intima.

Nega però ogni contatto fisico con l’ex premier: solo balli sensuali delle ragazze convocate dal manager Lele Mora.

Al termine della seconda serata, in cui arrivò insieme al giornalista Emilio Fede, Ruby dormì alla villa. Ma da sola.

Udienza aggiornata al 24 maggio.