Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

Cannes celebra il centenario del cinema indiano
close share panel

Condividere l'articolo

Twitter Facebook

Festival di Cannes, tappeto rosso per il film d’apertura “Il Grande Gatsby” e a posare a fianco del cast è Amitabh Bachchan, una delle star più amate di Bolliwood che quest’anno sulla croisette celebra anche il centenario del cinema indiano.

“Il solo fatto che Cannes voglia dedicargli un tributo e metterlo al centro dell’attenzione mondiale è già una cosa grossa, ma avermi chiesto di partecipare addirittura all’apertura con Leonardo (Di Caprio ndr) è stata una esperienza incredibile.”

A tenere alte le celebrazioni per questo anniversario è un’attrice che viene da una intera famiglia di attori e registi, Sonam Kapoor: “Rapprensento la terza generazione, la mia famiglia è in questo settore da 60 anni. Per me è fantastico perchè sono nel cinema solo da 5 anni dunque essere un piccolo puntino in questi cento anni è un’emozione incredibile.”

“Bombay Talkies” è l’anteprima mondiale che apre il tributo all’industria indiana alla sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes. Bachanan, tra i protagonisti, rilancia un futuro brillante:
“Penso che il cinema indiano stia cambiando, per il meglio. Sta emergendo un gruppo di nuovi registi e giovani artisti di talento eccezionale che provengono da regioni e da piccole città sconosciute, e fanno bellissimi film.”

“Bombay Talkies, presentato fuori competizione, è un’antologia di 4 brevi storie firmate da 4 tra i maggiori registi indiani che mettono al centro delle loro opere i rapporti di famiglia, l’amore, l’eroismo e ovviamente molte danze e canzoni.

In India, nel 1913 fu realizzato il primo lungometraggio del regista Dada Saheb Phalke, padre di quella che cento anni dopo è la più grande industria cinematografica del mondo.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni

Guarda le principali notizie di oggi