ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: sentenza contro Google e i suggerimenti di ricerca offensivi

Lettura in corso:

Germania: sentenza contro Google e i suggerimenti di ricerca offensivi

Dimensioni di testo Aa Aa

Quando Google suggerisce accostamenti di parole all’ogetto della ricerca può ledere i diritti di persone e imprese, e quindi la funzione va modificata. Lo ha deciso la Corte federale di giustizia tedesca, dando ragione a un ditta di cosmetici che veniva associata alle parole “truffa” e “scientology”.

Per lo stesso motivo aveva fatto ricorso la ex moglie dell’ex presidente tedesco Christian Wulff, accanto al cui nome compariva il suggerimento “prostituta”.