Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

Arriva il Li-Fi, la nuova tecnologia “Light Fidelity”
close share panel

Condividere l'articolo

Twitter Facebook

La startup parigina Oledcomm ha ideato un nuovo sistema che permette di trasferire dati attraverso la luce. Per questo la nuova tecnologia si chiama Li-Fi, un acronimo per “Light Fidelity”.

“Questo è il cosiddetto ricevitore Li-Fi, che legge i dati, li traduce e poi li trasforma in musica” — ci spiega Cedric Mayer, Direttore di Oledcomm —Potete vedere cosa succede se lo spostiamo sotto la luce.”

C‘è anche l’opzione di inviare file video. Queste immagini sono trasmesse dalla telecamera a circuito chiuso direttamente sullo schermo, attraverso un raggio di luce. Una magia? No. Allora Come funziona?

“Accendiamo e spegnamo i LED ad alta frequenza. Quando spegniamo abbiamo zero, se accendiamo siamo su uno. Dunque si tratta di inviare zero ed uno ad una velocità estremamente alta. Si possono raggiungere anche i 3 gigabites al secondo, un record “accademico”, spiega Mayer.

Siamo già 150 volte più veloci di una connessione wi-fi. Si possono invare informazioni ad un computer attraverso un sensore di luce anche usando un modem basico collegato ad un LED.

Rispetto al Wi-Fi, questa nuova tecnologia non emette onde elettromagnetiche, quindi potrebbe consentire di collegarci ad internet anche in volo a bordo di un aereo, o negli ospedali, senza alcun considerevole rischio per la salute.

Tutti vantaggi significativi, ma i problemi non mancano, come spiga Jean-Yves Le Boudec, Docente del Politecnico Federale di Losanna:
“Per funzionare nei sistemi di comunicazione, come ad esempio gli smartphone, la lampadina deve essere collocata in una posizione precisa che consenta di ricevere il raggio luminoso. Questo probabilmente è il limite di questa tecnologia li-fi sulle apparecchiature mobili.”

Oggi diverse compagnie tedesche, giapponesi ed americane stanno lavorando per sviluppare nuove applicazioni web. A Parigi sono sicuri che entro il 2014 riusciranno a lanciare il proprio prodottto sul mercato, ad un costo di 80 Euro.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni

Altri servizi che potrebbero interessarti

Guarda le principali notizie di oggi