ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mancini - City: nemici come prima

Lettura in corso:

Mancini - City: nemici come prima

Dimensioni di testo Aa Aa

Licenziato e perdente. Lo hanno ingenerosamente definito così i quotidiani britannici, dopo l’esonero dal Manchester City.

Quanto meno singolari le modalità con le quali si è concluso anzitempo il rapporto tra Roberto Mancini e i rivali cittadini dei Red Devils.

Il fallimento degli obiettivi stagionali, difatti, non ne giustifica il precoce allontanamento prima della fine delle competizioni, tanto più che nel comunicato ufficiale il City, in pratica, non fornisce una valida e veritiera motivazione.

Pare chiaro, comunque, che siano stati i calciatori a sconfessarlo, sia per i metodi di allenamento che per il carattere dell’italiano.

La rabbia del tecnico verrà ridimensionata, al di là di tutto, da una buonuscita quantificata fra i 7 e i 10 milioni di sterline

La decisione di cacciare via Mancini proprio nel giorno in cui l’anno prima vinceva il titolo nazionale spalanca ora le porte della panchina al cileno Manuel Pellegrini, clamorosi ribaltoni a parte.