ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I portoghesi tremano dopo l'accordo tra Troika e governo di Lisbona

Lettura in corso:

I portoghesi tremano dopo l'accordo tra Troika e governo di Lisbona

Dimensioni di testo Aa Aa

È un inizio di settimana difficile per molti portoghesi, dopo che nella notte il governo ha raggiunto l’accordo con la Troika che consentirà al Paese di ricevere l’ottava tranche di aiuti. Lisbona, grazie a questa intesa, spera inoltre che potranno essere allungati i tempi per il rimborso del prestito. Maria Graça Ramos che, proprio a causa della crisi, è costretta ad affiancare al suo lavoro di conducente di autobus quello di taxista, teme il peggio. Per sé e per la sua famiglia: “Vedo un futuro molto difficile. La situazione sta diventando sempre peggio. Non penso che le misure adottate dal governo siano praticabili e credo che per i prossimi anni tutto questo non migliorerà, al contrario. Oggi per me è difficile dar da mangiare alla mia famiglia e non so se ci riuscirò nei prossimi anni”.

Conclusa dunque in modo positivo la settima valutazione dei conti del Portogallo da parte della Troika ma secondo Antonio Costa Pinto, analista politico, le nuove misure di austerità rappresentano un conto salatissimo per la gente che la gente dovrà pagare per questi presititi: “Il grande sforzo fatto dal governo mira a ritornare sui mercati e a concludere il piano di slavataggio. Ma dal punto di vista della società portoghese quel che dovrebbe essere il successo delle misure del governo sarà il fallimento delle condizioni di vita dei portoghesi”.

Unione europea, Fondo Monetario Internazionale e Banca Centrale europea verseranno al Portogallo altri due miliardi di euro che rientrano nel piano di salvataggio da 78 miliardi iniziato esattamente due anni fa. E i portoghesi, con tutta probabilità, torneranno in piazza.