Skip to main content

Fao: gli insetti cibo del futuro, ottimi e abbondanti
close share panel

Condividere l'articolo

Twitter Facebook
| Condividere questo articolo
|

Insetti contro la fame nel mondo. Ecologici, abbondanti, nutrienti e, pare, anche buoni.

È quanto afferma la Fao che ha lanciato un programma per incoraggiarne l’allevamento su vasta scala.

Facile, perché richiede investimenti minimi e bastano rifiuti e liquami.

E redditizio: due chili di mangime servono a produrre un chilo di insetti, contro gli otto chili di foraggio necessari per un chilo di carne di manzo.

“Gli insetti sono molto nutrienti, hanno un alto contenuto di proteine, sali minerali e grassi”, dice Eva Ursula Muller, direttrice del Dipartimento poliche economiche forestali dell’agenzia Onu, “Sono quindi essenziali per le popolazioni di molti paesi in via di sviluppo, in Asia, Africa e America Latina. E hanno già un ruolo importante nell’alimentazione umana, visto che già li mangiano due miliardi di persone, un terzo della popolazione mondiale”.

L’entomofagia, con 1900 specie commestibili, potrebbe sfamare 9 miliardi di persone entro il 2030. Diffusa nelle culture tradizionali di 90 paesi, è snobbata in Occidente e per il momento fa tendenza solo in qualche ristorante “in” degli Stati Uniti.

Ma è solo una questione di abitudine, preconizza l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
| Condividere questo articolo
|

Altri servizi che potrebbero interessarti


Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?