ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bulgaria al voto, conservatori favoriti ma rischio ingovernabilità

Lettura in corso:

Bulgaria al voto, conservatori favoriti ma rischio ingovernabilità

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel testa a testa tra socialisti e conservatori, la Bulgaria rischia l’ingovernabilità. Urne aperte nel Paese più povero dell’Unione europea, dopo le dimissioni del governo di Boyko Borissov.

Stando ai sondaggi, sembra difficile che le due principali formazioni riusciranno a raccogliere i voti sufficienti per poter formare un esecutivo.

Resta in vantaggio il partito Gerb, nonostante il sequestro di ben 350 mila schede elettorali illegali rinvenute nella tipografia di un consigliere municipale del partito. I conservatori respingono ogni accusa e parlano di speculazioni create ad arte.

La sinistra insegue e prova a colmare un distacco superiore – secondo le ultime rilevazioni – al 5% dei voti. In Bulgaria, il 12% della popolazione dichiara apertamente, nonostante sia un reato perseguibile con il carcere, di voler vendere il proprio voto.

Una realtà che segnala una situazione sociale allarmante, con la disoccupazione giovanile al 40% e i prezzi al consumo al livello di quelli dei Paesi dell’Europa occidentale.