ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: reportage ai confini della guerra

Lettura in corso:

Siria: reportage ai confini della guerra

Dimensioni di testo Aa Aa

La guerra di Siria non sta provocando drammi nel paese, ma anche nelle nazioni vicine, invase da un flusso di profughi che finiscono in strutture già piene. Una situazione che sta creando fenomeni come le nozze a tempo, una sorta di prostituzione mascherata dove le donne per sopravvivere accettano matrimoni a tempo per aiutare le famiglie. Perché non ci sono soldi per i profughi e nemmeno per i centri medici come afferma un dottore del campo di Zataari, nel nord della Giordania: “Quello che facciamo qui è per noi un’esperienza professionale e umana eccezionale, ma abbiamo pochissimi mezzi anche se con quello che abbiamo facciamo miracoli”.

Miracoli che leniscono, ma non eliminano le sofferenze di donne come Rasha, madre di tre bambini piccoli: “Le infermiere e il personale ci aiutano e fanno del loro meglio, ma io vorrei solo tornare a casa mia in Siria. Qui o laggiù non fa differenza. In entrambi i posti viviamo male, è la stessa cosa”.