ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: a Roma, Segretario di Stato USA ribadisce: dialogo inclusivo

Lettura in corso:

Siria: a Roma, Segretario di Stato USA ribadisce: dialogo inclusivo

Dimensioni di testo Aa Aa

Senza Assad, ma con i suoi: il governo siriano ha accolto con favore il riavvicinamento russo-americano, il rilancio del negoziato inclusivo e l’allontanamento dalle posizioni più guerrafondaie.

Il segretario di Stato USA, John Kerry, è a Roma, dopo aver visitato Mosca. A Roma, oltre alle autorità italiane, Kerry incontra israeliani e giordani, per discutere di un possibile rilancio del processo di pace israelo-palestinese e anche della Siria: la Giordania, ha affermato Kerry dopo un incontro con il Ministro degli Esteri giordano, “lavorerà con noi per tentare di portare tutte le parti al tavolo, in modo da poter realizzare un governo di transizione con il consenso di entrambe le parti, il che chiaramente significa che secondo noi il Presidente Assad non farà parte di quel governo di transizione”.

Il ministro giordano ha sottolineato l’emergenza legata ai rifugiati, la cui presenza si concentra soprattutto in Turchia e Giordania:

“I rifugiati siriani ormai rappresentano circa il 10% della nostra popolazione, saliranno al 20 o 25% stando alla tendenza attuale entro la fine dell’anno, e fino al 40% a metà del 2014”.

E l’emergenza-rifugiati è una delle ragioni che rendono questo conflitto particolarmente intricato.
A Mosca, due giorni fa, Kerry e il Ministro degli Esteri russo Lavrov avevano annunciato una nuova conferenza internazionale sulla Siria: ora si apprende che si terrà in giugno a Ginevra.