ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Diritti tv, Berlusconi chiama a raccolta i sostenitori a Brescia

Lettura in corso:

Diritti tv, Berlusconi chiama a raccolta i sostenitori a Brescia

Dimensioni di testo Aa Aa

Non saranno le vicende giudiziarie di Silvio Berlusconi a far vacillare il governo italiano. I maggiorenti del Pdl si schierano a difesa del leader, bollando come ingiusta la sentenza di appello sui diritti tv Mediaset. Ma affermano che l’esperimento delle larghe intese deve andare avanti.

Il Cavaliere è stato condannato in secondo grado a 4 anni di carcere, tre dei quali coperti da indulto, e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Renato Brunetta, capogruppo Pdl alla Camera: “ E’ una magistratura politicizzata, che fa politica, che vuole distruggere la politica di una certa area, di un certo orientamento, come dire…. è sotto gli occhi di tutti”.

I legali del Cavaliere sperano nella Cassazione. O in alternativa nella prescrizione, che scatterebbe a luglio 2014. Intanto Berlusconi torna a mobilitare la piazza: sabato prossimo arringherà i suoi sostenitori a Brescia.

Un nuovo fronte giudiziario sta però per aprirsi a Napoli, dove i pm hanno richiesto il suo rinvio a giudizio per la vicenda della presunta compravendita di senatori che nel 2006 fece cadere il governo Prodi.