ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Grande campagna di vaccinazione in Somalia


Sci-tech

Grande campagna di vaccinazione in Somalia

Abdul Wahab ha solo 6 mesi di vita. Quindi non sa di essere uno dei protagonisti di un evento importante per la Somalia: Abdul è uno dei primi bambini a cui è stato iniettato un nuovo vaccino pentavalente. Tutto si è svolto in pochi secondi, in una clinica di Mogadiscio, in cui il piccolo è arrivato accompagnato dalla madre:

“Ho portato mio figlio qui per farlo vaccinare – dice Amina Haden, la madre di Abdul – Mi è stato detto che così si possono prevenire le malattie. In passato quattro dei miei figli più grandi hanno contratto il morbillo e dunque spero che almeno lui non si ammali”.

La nuova campagna di vaccinazione è stata lanciata dal governo somalo con l’Unicef, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altri soggetti, una collaborazione fra settore pubblico e privato destinata a migliorare l’accesso alle vaccinazioni nei paesi poveri:

La dottoressa Marthe Everard è la rappresentante dell’Oms per la Somalia:

“L’arrivo del vaccino pentavalente è molto importante per i bambini della Somalia, perché introduce due nuovi antigeni, in particolare contro la meningite e l’epatite B.”

Il nuovo vaccino pentavalente protegge da: epatite B, difterite, pertosse, tetano e dalle infezioni da haemophilus influenzae, che può causare la meningite. La Somalia ha uno dei tassi di vaccinazione più bassi del mondo, visto che il locale sistema sanitario è uscito distrutto da oltre vent’anni di guerre:

“Lo scorso anno, in Somalia, sono morti 171mila bambini di meno di 5 anni – dice la direttrice del programma Anne Cronin – Il nostro obiettivo è ridurre la mortalità entro il 2014”.

Più di 1,3 milioni di dosi di vaccino pentavalente sono state fornite alla Somalia per il 2013 e saranno utilizzate per immunizzare i bambini di meno di un anno. Ogni bambino avrà bisogno di tre dosi.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Cozze più buone, riducendo gli sprechi

futuris

Cozze più buone, riducendo gli sprechi