Skip to main content

Audrey Tautou, l’ “Amelie nazionale”, è la madrina del Festival di Cannes
close share panel

Condividere l'articolo

Twitter Facebook
| Condividere questo articolo
|

Audrey Tautou è la madrina della sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes.

L’attrice francese lo scorso anno aveva percorso la croisette con il suo Thérèse Desqueyroux, film del regista Claude Miller, proiettato proprio a conclusione della prestigiosa kermesse cinematografica.

Quest’anno Audrey Tautou, più conosciuta per il suo celebre personaggio di “Amelie”, torna a Cannes per presentare sia la cerimonia di apertura, il 15 Maggio, che quella di chiusura del 26 maggio nel corso della quale saranno conferiti i premi della giuria.

Ali May, euronews:
Ha recitato in thriller di successo, in commedie e storie d’amore e naturalmente in Thérèse Desqueyroux,uno dei suoi ruoli drammatici in costume. C‘è un genere che pensa si confaccia di più alle sue ambizioni e qualità artistiche oppure non fa differenza?.

Audrey Tautou:
Non posso dire di avere preferenze, infatti mi piacciono le storie d’amore e le commedie ma amo anche film più complessi che propongono qualcosa di più intellettuale… è appassionante.

Ali May, euronews:
Thérèse Desqueyroux è un personaggio complicato. Ci sono state delle parti che ha trovato difficili da interpretare?

Audrey Tautou
Il regista Claude Miller ed io ci siamo presi un pò di tempo per parlare del personaggio, per scoprirlo. Penso di essere riuscita a calarmi nella parte, prima dell’inizio delle riprese. Non c’erano più ombre o misteri, niente che fosse rimasto poco chiaro… quindi non penso di averlo sentito come un ruolo difficile.

Una donna che vuole scegliere la propria vita e per uscire da un matrimonio e da una vita borghese crudele ed ipocrita arriva a ricorrere ad un atto immorale, cerca di avvelenare suo marito per un istinto di sopravvivenza. E’ vero, è quasi un pò trasgressiva.

Ali May, euronews:
Devo farle una confessione: quando guardo la sua fotografia dico “Oh Amelie” ed è dura pensare a lei come Audrey. Voglio ritornare a quel film, 12 anni fa. Cos‘è che lo ha reso un classico, e ha fatto diventare quel personaggio così memorabile?

Audrey Tautou:
Non lo so, ma penso che questo film sia un piccolo miracolo, ha un qualcosa che tocca il cuore delle persone in modo particolamente profondo. E’ un film indescrivibile che ha colpito il cuore di tutti, di ogni cultura e nazionalità, è piuttosto bizzarro ma in reatà non ho una vera risposta.

Ali May, euronews:
Penso che in qualche modo abbia segnato l’inizio del suo successo internazionale. E’ d’accordo?.

Audrey Tautou:
Si svolge in una Parigi meravigliosa e probabilmente è vero che il film ha permesso ad un certo pubblico di conoscere Parigi, la Francia, e me in questo passaggio, credo che il successo dipenda da questo. Ma non è un qualcosa di cui sono realmente cosciente, sono semplicemente molto felice ed orgogliosa di essere stata un’ambasciatrice del cinema francese, questo di sicuro.

Ali May, euronews:
Parliamo ora della sua carriera internazionale. Solo di tanto in tanto Interpreta film di Holliwood. Qual è la ragione? Non penso che sia perché non le vengono offerti ruoli. Sono sicuro che riceva un sacco di offerte.

Audrey Tautou:
No, non ricevo molte offerte, ma penso che sia perché non sono molto presente nel mercato americano. Hanno attrici straordinare ed io non parlo inglese molto bene, penso che ci siano molti fattori per cui sono messa un pochino ai margini. Ma è vero, recitare ad Hollliwood è un’ esperienza che amo e spero di avere altre opportunità, anche se questa non è un’ossessione per me.

Ali May, euronews:
Nella sua carriera vanta un interessante repertorio di film. Guardando indietro, se volesse scegliere due o tre film in cui si è divertita di più, quali sarebbero?

Audrey Tautou:
Direi “Amelie”, questo di sicuro. Poi direi “Ti va di pagare” e “Coco Avant Chanel”. Non posso non pensare a “Piccoli affari sporchi” che ho girato con Steven Frears, di cui per 10 anni sono stata follemente innamorata, glie l’ho ripetuto ieri, lui lo sa…
E’ stata un’esperienza straordinaria, una delle migliori della mia vita

Ali May, euronews:
Che piani ha per il futuro?.

Audrey Tautou:
Non mi piace prevedere troppo le cose, piuttosto cerco di concretizzare piccoli progetti personali che non siano necessariamente legati al cinema. Ho recitato in due film che usciranno in Francia, dunque mi dedicherò un pochino a promuoverli, e poi altre cose: la vita, la famiglia e gli amici.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
| Condividere questo articolo
|

Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?