ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria: minaccia antisemita sul Congresso ebraico mondiale

Lettura in corso:

Ungheria: minaccia antisemita sul Congresso ebraico mondiale

Dimensioni di testo Aa Aa

Malgrado il divieto della polizia, a Budapest i movimenti antisemiti si riprendono la piazza. scendono in strada, alla vigilia del congresso mondiale ebraico in programma nella capitale ungherese, i sostenitori del partito di estrema destra Jobbik.

La terza forza politica magiara parla di complotto israeliano per comprare il Paese e rilancia la proposta di schedare i cittadini ebrei:

“Cosa ci ha dato Dio?” chiede alla folla il leader di Jobbik, Gabor Vona. “Un futuro migliore!”, risponde la platea. “Siamo un’eccezione qui in Europa – aggiunge Vona – non perché siamo la nazione più antisemita, ma perché anche se tutta l’Europa è ai loro piedi, se tutta l’Europa lecca i loro piedi, noi non lo faremo mai”.

Negli ultimi anni, gli attacchi di stampo antisemita si sono moltiplicati in Ungheria – stato membro dell’Unione europea – suscitando la reazione di Bruxelles.

Nel Paese vivono oltre 100mila ebrei, una delle comunità più grandi del Vecchio Continente: “L’ascesa di Jobbik è solo uno dei sintomi – sostiene Peter Feldmajer, capo della federazioni delle comunità ebraiche ungheresi – il problema più grande è che circa mezzo milione di persone sostiene l’estrema destra e in tanti accettano l’atteggiamento di disprezzo verso gli ebrei”.

Il governo conservatore di Viktor Orban si difende, ricordando il sostegno a diverse commemorazioni, così come avvenne per la “Marcia per la vita” lo scorso 21 aprile. Una mobilitazione che portò in piazza 10mila persone per ricordare le vittime dell’olocausto.

Resta la realtà di un Paese dove il 24% della popolazione mostra pregiudizi verso gli ebrei. In questo il clima prenderà il via, questa domenica, il Congresso ebraico mondiale.