ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bangladesh: riparte la produzione d'abbigliamento, otto giorni dopo la tragedia di Dacca

Lettura in corso:

Bangladesh: riparte la produzione d'abbigliamento, otto giorni dopo la tragedia di Dacca

Dimensioni di testo Aa Aa

L’industria dell’abbigliamento ritorna a produrre in Bangladesh, otto giorni dopo la tragedia del Rana Plaza. Mercoledì scorso l’edificio di otto piani – dove venivano creati capi per marche occidentali – è crollato, provocando la morte di centinaia di persone. Almeno 429, ma si cercano ancora i dispersi.

Nell’edificio lavoravano più di 3000 persone, la maggior parte pagate l’equivalente di 30 euro al mese. Il sindaco della località dove si trovava l’edificio, Savar, alla periferia di Dacca, è stato sospeso per aver approvato la costruzione dell’immobile, su un terreno a quanto pare paludoso. Il proprietario – che non avrebbe segnalato l’esistenza di crepe – è stato interrogato.

Alcune società occidentali – tra cui una canadese e una britannica -hanno promesso di risarcire le vittime del crollo. L’Unione Europea ha chiesto al Bangladesh di rispettare le norme internazionali sulla sicurezza nelle fabbriche.