ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Europa dal sangue blu

Lettura in corso:

L'Europa dal sangue blu

Dimensioni di testo Aa Aa

Cambiare per non soccombere al cambiamento dei tempi.

Motto che non vale per le monarchie europee.

Il casato Orange dei Paesi Bassi sembra averlo capito da un pezzo, il giorno della sua incoronazione, la regina Beatrice disse che la sola volontà di servire il Paese può dar senso alle monarchie moderne.

Spirito mooderno che ritroviamo oggi nella decisione della regina di abdicare.
“Lascio per fare spazio a una nuova generazione”.

Ma la rinuncia al trono, per quanto consuetudine nei Paesi Bassi, resta un’eccezione nell’Europa continentale, dove contiamo sette regni, un granducato e due principati. Tutti monarchie costituzionali.

Salda sul trono dal 1952, Elisabetta II, a 87 anni non intende abdicare in favore del figlio, Carlo, 64 anni.

Una ventata di novità soffierà anche sulla monarchia d’oltre Manica,
la norma sulla primogenitura maschile sarà sostituita dalla primogenitura tout court, al vaglio al parlamento. Per cui il primo figlio di Kate e William, indipendentemente dal sesso, sarà di fatto in linea di successione, il legittimo erede al trono.

Malgrado una salute cagionevole, anche il re di Spagna Juan Carlos, non intende abdicare. Questo nonostante uno spagnolo su due si dichiari stanco del monarca.

Sul trono dal 1975, Juan Carlos di Borbone ha 75 anni, il figlio Felipe, 45, scalpita per prenderne il posto.

In Spagna vige ancora la legge Salica, che legittima al trono il primo figlio maschio.

Abdicare non è più un tabù nel Regno dei Belgi, ma è una decisione, personalissima, che spetta al re Alberto. Dopo 19 anni di Regno potrebbe decidere di passare la mano al figlio Filippo.

Alberto II, 79 anni in giugno e il figlio Filippo 53.

In Belgio l’erede al trono è il primogenito, sia maschio o femmina.

Così come nelle monarchie del nord Europa. Vale questa legge dal 1980 in Svezia, dove a Carlo XVI Gustavo, 67, succederà la figlia Victoria, 35 anni. Che per il momento ha rubato la scena per la sua fragilità.

Nel 1990 a fare questo passo è la Norvegia.
A re Harald V, 76 anni, succederà il primogenito, Haakon 39 anni.

La primogenitura tout court, regola dal 2009 la successione anche in Danimarca.
Margherita II, del casato di Oldenbourg, 73 anni, sul trono dal 1972 non abicherà in favore del figlio Federico. In Danimarca, regnare è un compito per la vita.