ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico, corteo chiede giustizia per la cronista Regina Martìnez

Lettura in corso:

Messico, corteo chiede giustizia per la cronista Regina Martìnez

Dimensioni di testo Aa Aa

Verità per una giornalista che ha dato la vita per cercarla. In Messico in centinaia hanno invaso le strade di Xalapa per ricordare Regina Martìnez.

È passato un anno da quando è stata trovata morta, strangolata nella sua casa nella capitale dello Stato di Veracruz. Specializzata in inchieste sul narcotraffico e sulle sue collusioni istituzionali, era corrispondente da dieci anni per il settimanale “Proceso”.

Come quello di tanti altri colleghi, il suo omicidio resta avvolto nel mistero: “Indagini come questa che non convincono nessuno sono la prassi nel Paese ed è per questo che abbiamo un tasso di impunità del 98%” – dice l’attivista Daniela Pastrana. “È incredibile il metodo investigativo e il modo in cui sono stati presentati i risultati.”

Un corteo ha attraversato anche le vie di Città del Messico. “Vogliamo una soluzione non la repressione” grida la folla.

La versione ufficiale parla di un tentativo di rapina finito male e per questo un uomo, che ha dichiarato di essere stato torturato per confessare, è stato condannato a 38 mesi di carcere. Il “Proceso” considera l’assassinio della sua giornalista “il prodotto di un paese marcio, dove la violenza è quotidiana.” Dal 2010, sono 80 i giornalisti uccisi in Messico.