ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Sparatoria a Palazzo Chigi: due carabinieri feriti, fermato l’attentatore


mondo

Sparatoria a Palazzo Chigi: due carabinieri feriti, fermato l’attentatore

È successo tutto molto rapidamente. Alle 11.40, ora locale, un uomo, vestito in giacca e cravatta ha attraversato la piazza e ha aperto il fuoco. Le forze dell’ordine hanno risposto. L’uomo, vestito con giacca e cravatta, ha tentato di fuggire: ferito durante la colluttazione e bloccato. Si tratta di Luigi Preiti, 49 anni, nessun precedente penale, problemi psichici, calabrese di origine, residente ad Alessandria. Ferita anche una passante in modo lieve

I colpi esplosi contro i carabinieri sono stati almeno sei.
Tutto è accaduto davanti a Palazzo Chigi durante il giuramento del nuovo governo. I due agenti sono feriti: uno in maniera grave al collo, l’altro alla gamba, ma entrambi non sarebbero in pericolo di vita. L’attentatore ha attraversato la piazza e all’improvviso ha aperto il fuoco contro due carabinieri, che avrebbero risposto al fuoco.

E’ scattato lo stato di ”massima allerta” sul piazzale antistante il Quirinale dove le forze dell’ordine hanno iniziato a far defluire la folla dopo la sparatoria avvenuta a Piazza Colonna. La misura, secondo uno degli agenti, sarebbe dovuta alla possibilità che ci sia in circolazione un uomo armato. Il neo ministro dell’Interno Angelino Alfano è stato informato subito dopo aver giurato. Il segretario Pdl, seduto in prima fila, era sorridente quando è stato avvicinato da un funzionario del Colle che, evidentemente, lo ha informato del gravissimo fatto. Poco dopo è stato informato anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E’ stato il neo ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini, invece, a dare al premier Enrico Letta la notizia.

L’area intorno a palazzo Chigi è stata completamente transennata dai Vigili Urbani. Bandoni sono stati srotolati in via del Corso e il traffico è bloccato.

Prossimo Articolo

mondo

USA: incriminato attentatore alla ricina, rischia l'ergastolo