ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Obama avverte Damasco, sulle armi chimiche. Ma un intervento è ancora lontano.

Lettura in corso:

Siria: Obama avverte Damasco, sulle armi chimiche. Ma un intervento è ancora lontano.

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti prendono tempo, sulle armi chimiche siriane: fonti dell’intelligence americana hanno recentemente affermato che il regime di Damasco ha usato armi proibite contro i civili, ma si tratta di informazioni ancora tutte da dimostrare. Barack Obama, al termine di un incontro con re Abdallah di Giordania, conferma che se verificati quei fatti cambierebbero molte cose:

“È naturalmente orribile, come ogni volta che si spara con i mortai sulla popolazione e che i civili vengono uccisi in maniera indiscriminata. Ma l’uso di armi di distruzione di massa sulla popolazione civile oltrepassa un’altra linea nelle norme internazionali. E quindi cambiano radicalmente molte cose”, ha detto il Presidente degli Stati Uniti, che ha però evocato l’intervento militare solo nel quadro di una serie di altre opzioni.

Prudente anche il premier britannico, David Cameron, che dopo aver ricordato che le armi di distruzione di massa in Iraq alla fine non furono trovate conclude:

“Mi chiedete se penso che mettere i nostri stivali sul terreno siriano, come abbiamo fatto in Iraq e Afghanistan, sia la cosa giusta. No, non penso che dovremmo farlo. Penso invece che dovremmo lavorare con i nostri alleati, francesi, americani, i Paesi del Golfo, per dare supporto alla parte responsabile dell’opposizione”.

L’opposizione siriana ha più volte chiesto un intervento deciso da parte dell’Occidente, contro il regime di Assad.
Sperava che le informazioni sulle armi chimiche sbloccassero rapidamente la situazione, ma non è così: anche Unione Europea e Nazioni Unite si limitano a sottolineare che il fatto non è provato.