ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crescita migliore delle attese, la Gran Bretagna schiva la recessione

Lettura in corso:

Crescita migliore delle attese, la Gran Bretagna schiva la recessione

Dimensioni di testo Aa Aa

La Gran Bretagna tira un sospiro di sollievo: il tanto temuto “triple dip” – la terza ricaduta in recessione nell’arco di cinque anni – è stata evitata. Nel primo trimestre di questo 2013 l’economia del Paese è cresciuta dello 0,3%.

Una sorpresa anche per gli analisti, che avevano previsto il +0,1%, dopo che il Pil si era contratto dello 0,3% tra ottobre e dicembre.

Buone notizie per il ministro delle finanze, il cancelliere dello Scacchiere George Osborne, criticato dopo il ritiro della tripla A da parte di Fitch la settimana scorsa.

Il suo programma per le misure di austerità del governo era finito nel mirino del Fondo monetario internazionale, più preoccupato per la crescita che non per il deficit di bilancio.

I nuovi dati, spinti dal settore dei servizi e dall’estrazione di petrolio e gas nel Mare del Nord, saranno un asso nella manica durante la visita del Fondo il mese prossimo. Per poter dire agli ispettori: ‘la nostra direzione è quella giusta’.

In un’ottica di più ampio respiro, però, gli economisti avvertono che è presto per festeggiare: il Pil britannico rimane al di sotto del livello massimo raggiunto nel primo trimestre del 2008.

Ancora non si può parlare di un’economia in salute”, dicono, aspettiamoci ancora un paio di trimestri di contrazione prima di un ritorno ad un cammino di crescita stabile.

Il governo, comunque, non intende rimanere con le mani in mano e ha appena annunciato un potenziamento del programma “Funding for Lending”, con cui dovrebbero aumentare i prestiti alle piccole e medie imprese.