ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Governo: Napolitano stringe i tempi delle consultazioni

Lettura in corso:

Governo: Napolitano stringe i tempi delle consultazioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata di consultazioni-lampo per Giorgio Napolitano in vista della formazione del nuovo governo. Al Quirinale, questa mattina, i presidenti delle Camere, a precedere l’incontro con le forze politiche, una dopo l’altra. Dopodiché si dovrebbe passare quasi subito all’incarico e alla presentazione della lista dei ministri, come fu per Monti.

Voci sempre più insistenti danno il nome pronto fin dalle prossime ore e il primo maggio come data operativa per il nuovo esecutivo, larghe intese, tecnico o di scopo che sia.

Per quanto riguarda il programma, il capo di stato invita ad attenersi ai suggerimenti delle due commissioni dei suoi dieci Saggi. Priorità, quindi, all’economia, alla legge elettorale da rifare, al conflitto di interessi da regolare, al bicameralismo perfetto a cui dire addio.

Chiude la processione al Colle il PD, partito decapitato e diviso dopo il flop della candidatura Prodi. Ma è pur sempre dalle sue file che vengono i premier più probabili: la partita dovrebbe giocarsi tra Giuliano Amato ed Enrico Letta.

E nel frattempo esce la carta Matteo Renzi, garanzia di aria nuova e giovane, gradito anche al Pdl. Ma i suoi dal web fanno sapere di temere un trappolone.

Tuttavia, Napolitano potrebbe ancora una volta sorprendere tutti, con un nome inedito e solido a cui sia impossibile dire no.