ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela: niente riconteggio dei voti, solo un audit

Lettura in corso:

Venezuela: niente riconteggio dei voti, solo un audit

Dimensioni di testo Aa Aa

Nicolas Maduro, oggi in visita alla tomba di Hugo Chavez, resterà comunque presidente del Venezuela: è, in estrema sintesi, il messaggio inviato all’opposizione dal Consiglio Elettorale Nazionale, che ha accettato di estendere la verifica dei voti ma non di procedere a un riconteggio manuale, come chiesto dall’opposizione. E “come sempre – ha detto tra l’altro la Presidente dell’organo elettorale – quando annunciamo un risultato al Paese è perché questo è irreversibile”.

“Chiunque non sia soddisfatto dal risultato di questo processo elettorale – ha aggiunto – deve portare il tema alla Corte Suprema di Giustizia. C‘è una legge fatta apposta, le cui forme sono presentate chiaramente nel codice elettorale”.

Il leader dell’opposizione, Henrique Capriles, dei tribunali nazionali di qualunque livello, non si fida, dopo anni di chavismo: meglio le istanze internazionali:

“Non siamo ottimisti, per quanto riguarda i tribunali; ma ci sono gli organismi internazionali, perché qui si tratta di violazioni dei diritti umani”.

Nicolas Maduro, all’indomani di un voto che lo ha eletto con meno di trecentomila voti di scarto, e nonostante le pesanti contestazioni dell’opposizione, si è rapidamente insediato alla Presidenza, venerdì. Non si procederà al riconteggio dei voti, ma solo alla verifica della corrispondenza numerica dei voti elettronici con le ricevute stampate dai terminali di voto.