ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia: secondo giorno di votazioni per l'elezione del Presidente della Repubblica

Lettura in corso:

Italia: secondo giorno di votazioni per l'elezione del Presidente della Repubblica

Dimensioni di testo Aa Aa

Seconda giornata di voto per l’elezione del Presidente della Repubblica italiana dopo lo smacco per Franco Marini. Dopo due votazioni il parlamento in seduta plenaria, ieri, non è riuscito a trovare l’accordo sul nome del prossimo capo dello Stato.

L’ex presidente del Senato non ce l’ha fatta, ha raccolto 521 voti alla prima votazione, lontano dai 672 consensi necessari, poi 15 alla seconda, segnata da una valanga di schede bianche. Spaccato il Pd, ma i voti mancanti sono dipesi anche da defezioni nel Pdl e in scelta Civica.

Secondo Stefano Rodotà, che ha raccolto più voti del previsto, prima 240 e poi 230. Oltre al Movimento 5 Stelle, lo hanno appoggiato Sinistra e Libertà e diversi esponenti della corrente renziana del Pd.

L’accordo Pd- Pdl sul nome di Marini non ha solo provocato la fronda interna al Partito Democratico, ma anche la protesta di piazza, davanti al Parlamento.

Il prossimo Presidente della Repubblica potrebbe essere eletto venerdì sera al quarto scrutinio, quando non sarà più necessaria la maggioranza dei due terzi, ma la maggioranza semplice.