ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Coree: confine bloccato, lavoratori a corto di viveri

Lettura in corso:

Coree: confine bloccato, lavoratori a corto di viveri

Dimensioni di testo Aa Aa

La tensione tra le due Coree sta avendo pesanti ripercussioni sulla zona industriale di Kaesong, gestita congiuntamente dai due Paesi.

Pyongyang ha chiuso l’area la settimana scorsa e impedisce il passaggio di rifornimenti per le persone impiegate nella regione di frontiera.

Duecento lavoratori sudcoreani sono a corto di viveri, mentre alcuni sono partiti. Uno di loro afferma: “Speriamo che il problema venga risolto pacificamente. Tutti i lavoratori di Kaesong stanno soffrendo. Spero che la situazione migliori.”

Cibo e combustibili starebbero per finire.
L’area congiunta fu aperta nel 2004 e rappresentava un esempio tangibile del disgelo tra i due Paesi, che rimangono formalmente in guerra dal conflitto degli anni ’50.

Il ministro sudcoreano per l’unificazione dichiara: “Il nostro governo pensa che sia molto spiacevole che il Nord abbia respinto la richiesta delle aziende di un atto umanitario.”

Nella zona operano 123 aziende sudcoreane. I lavoratori nordcoreani sono oltre 50 mila.