ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Croazia ai seggi per le prime elezioni da membro dell'Unione Europea

Lettura in corso:

Croazia ai seggi per le prime elezioni da membro dell'Unione Europea

Dimensioni di testo Aa Aa

Urne aperte dalle sette di domenica mattina per le prime elezioni europee della storia della Croazia. In ballo ci sono i 12 seggi da parlamentare a Straburgo che entreranno in carica dal primo di luglio, quando il Paese balcanico diventerà ufficialmente il ventottesimo membro dell’Unione Europea.

Le previsioni danno in netto vantaggio i socialdemocratici del premier Zoran Milanovic, che, con una percentuale tra il 29% e il 35%, potrebbe portarsi a casa circa la metà dei seggi. I suoi diretti avversari dell’Unione democratica croata, i conservatori, sono dati invece al 25%.

Ventotto le liste elettorali tra cui potranno scegliere gli oltre 3 milioni e 700 mila aventi diritto, anche se, secondo gli osservatori, è improbabile che si avranno particolari code davanti ai seggi: indecisi a parte, 2 su 5, l’affluenza potrebbe arrivare solo al 40%.

Un’accoglienza un po’ tiepida per la tanto agognata Europa, dettata soprattutto da fattori economici: il Paese è stretto nella morsa di una recessione praticamente ininterrotta dal 2009 e il tasso di disoccupazione è al 21,9%. Nel corso del 2012 il Pil è calato del 2% e un ritorno alla crescita è previsto solo nel 2013.

I nuovi eurodeputati croati ad ogni modo avranno poco tempo per abituarsi all’aria di Strasburgo: le elezioni per il rinnovo del Parlamento sono infatti previste per il 2014.