ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA rilancia l'accordo sugli aiuti a Pyongyang in cambio di uno stop all'escalation nucleare

Lettura in corso:

USA rilancia l'accordo sugli aiuti a Pyongyang in cambio di uno stop all'escalation nucleare

Dimensioni di testo Aa Aa

Con inquietudine dalla Corea del Sud si guarda oltre la frontiera. Le minacce lanciate da Pyongyang continuano ad incutere timore. La retorica del regime potrebbe trasformarsi in azioni concrete?
Un rischio reale secondo un ex spia sud coreana che negli anni cinquanta, durante la guerra di Corea, aveva raggiunto il nord.

“La situazione è più grave rispetto al passato – sottolinea l’ex spia, Park Young-Rae – Allora alla guida della Corea del Nord c’era un uomo coscienzioso. Ora non è cosí. Infatti siamo preoccupati”.

Gli Stati Uniti intanto ribattono la via diplomatica. Da Seul, il segretario di Stato John Kerry ha proposto aiuti a Pyongyang in cambio della sospensione dei programmi nucleari.

“Non accettiamo la Corea del Nord come potenza nucleare – dice John Kerry – è una posizione che ci vede completamente d’accordo. La retorica che abbiamo sentito da Pyongyang è semplicemente inaccettabile da qualsiasi punto di vista”.

Mentre Washington ha ribadito che difenderà nel caso di attacco i propri alleati nella regione, resta l’allerta in Giappone.
Nel centro di Tokyo sono attive le batterie anti-missile Patriot per neutralizzare eventuali lanci balistici da parte della Corea del Nord.