ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Magnitski: arriva la ritorsione russa

Lettura in corso:

Caso Magnitski: arriva la ritorsione russa

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ arrivata la ritorsione russa.
Mosca ha risposto alla lista nera diffusa venerdi dagli Stati Uniti per bandire e congelare i beni di 18 cittadini russi ritenuti responsabili della controversa morte dell’avvocato Serghiei Magnitski stilando a sua volta un elenco con i nomi di persone indesiderabili.
Tra questi ci sono alcuni ex alti funzionari dell’amministrazione americana accusati di violazione dei diritti umani.
“La guerra delle liste – ha commentato il portavoce del ministeri degli esteri russo – non è una nostra scelta ma non potevamo ignorare questo aperto ricatto senza rispondere. I politici americani devono capire che non si puo’ dialogare con noi attraverso dei diktat”.
Sul tema della tutela dei diritti umani Stati Uniti e Russia stanno dando vita a un braccio di ferro che ha provocato un clima da “guerra fredda”.
Le relazioni tra i due paesi da tempo non erano cosi’ tese.
L’avvocato Magnitski era stato ritrovato morto nella sua cella a Mosca in circostanze controverse dopo aver denunciato alcuni funzionari russi per appropriazione indebita di fondi statali