ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: difficile il compromesso sulla finanziaria tra democratici e repubblicani

Lettura in corso:

USA: difficile il compromesso sulla finanziaria tra democratici e repubblicani

Dimensioni di testo Aa Aa

La finanziaria messa a punto da Obama allontana ulteriormente democratici e repubblicani. Troppo morbida nei confronti dei più ricchi, sostiene l’ala più progressista del partito del presidente che sottolinea anche la mancanza di nuove misure volte a migliorare la previdenza sociale. Una manovra fatta solo di tasse, replicano gli avversari. Ai microfoni di euronews Roberton Williams dello Urban Institute, Brookings Tax Policy Center: “Il vero problema è che oggi c‘è una tale divergenza di vedute tra Democratici e Repubblicani, opinioni talmente radicate su estremi opposti che è difficile immaginare che trovino un accordo su un compromesso. Ognuno dice o si fa come diciamo noi o niente”.

Lo scorso 23 marzo il Senato, a maggioranza democratica, aveva approvato una propria proposta di bilancio il cui obiettivo era ridare ossigeno all’economia tenendo alta la spesa pubbllica. Il progetto alla Camera dei Rappresentanti, a maggioranza repubblicana, mirava
invece al drastico taglio delle spese: “Il Congresso – spiega John Makin, dell’Americain Enterprise Institute – non si sente pressato, non sente che sta per accadere qualcosa di orribile. Molte persone stanno dicendo che il mercato azionario sta collassando, che l’economia collasserà…ma non è così”.

Secondo gli analisti, dato lo stallo politico, il Paese continuerà ad arrabattarsi senza un bilancio regolare. E c‘è anche chi crede che il piano di Obama ponga soltanto ulteriori problemi: “Sarebbe bene – aggiunge Roberton Williams – avere un bilancio, ma se non lo avremo…beh, ce la siamo cavata per gli ultimi quattro anni.Abbiamo
fatto alcuni tagli, alcuni tagli extra ma di base abbiamo messo il pilota automatico su gran parte delle cose”.

Obama che non ha nascosto di aver fatto concessioni ai repubblicani, ha definito il proprio piano ‘fiscalmente responsabile’ perché permetterà di creare nuovi posti di lavoro consentendo al Paese di tornare a crescere.

Stefan Grobe, euronews: “Finora non ci sono piani per creare una conferenza sul bilancio Camera-Senato. Entrambe le parti continuano però a discutere una simile opportunità. Voci che provengono dal partito del presidente sostengono che i democratici continuano a sperare in una riconciliazione. Alla fine, il bilancio di Obama potrebbe spingere le parti verso un compromesso”.