ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aviaria: nuovi contagi in Cina mentre l'OMS invita alla calma

Lettura in corso:

Aviaria: nuovi contagi in Cina mentre l'OMS invita alla calma

Dimensioni di testo Aa Aa

Altri casi di contagio in Cina per la nuova aviaria che ha già ucciso almeno sei persone.

Allo studio un apposito vaccino, pronto in sei, nove mesi, che sarà commercializzato se l’epidemia dovesse trasmettersi tra esseri umani.

E questo non è ancora il caso, rassicurano le autorità: i malati hanno avuto contatti diretti con pollame e volatili infetti.

“All’origine c‘è un nuovo tipo di virus H7N9, derivante dal tipo aviaria, che ha iniziato a diffondersi”, ha dichiarato Liang Wannian, direttore dell’ufficio cinese di controllo e prevenzione, “ma non ci sono prove della sua trasmissione da essere umano a essere umano”.

Attrezzati finora oltre 400 punti di controllo nella Cina orientale, soppressi 100 mila animali.

“Non consideriamo necessari particolari screening in relazione a questo evento”, ha detto Michael O’Leary, capo dell’ufficio Oms cinese, “né raccomandiamo di applicare eventuali restrizioni di viaggio o di commercio”.

Tre le persone finite in ospedale, che portano a 21 il numero degli infetti, comprese le vittime.

Casi limitati e circoscritti, affermano le autorità sanitarie che invitano comunque a evitare contatti con pollame vivo e a lavarsi frequentemente le mani.