ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Manifestazione al Cairo nell'anniversario del "Movimento 6 aprile"

Lettura in corso:

Manifestazione al Cairo nell'anniversario del "Movimento 6 aprile"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il quinto anniversario della nascita del “Movimento del 6 aprile”, uno dei gruppi di giovani che hanno contribuito alla caduta lo scorso anno di Hosni Mubarak, è stato l’ennesima occasione per una protesta di piazza al Cairo.

Sabato sera si sono riversate in strada circa 500 persone.

La polizia è intervenuta con lacrimogeni quando i manifestanti hanno tentato di sfondare il portone di ingresso della residenza del procuratore generale.

Ben più sanguinoso è stato, nella notte precedente, l’esito di una violenta rissa tra copti e musulmani nella città di Al Khosos, a nord est della Capitale.

Almeno cinque persone sono rimaste uccise negli scontri, scoppiati in seguito alla bravata di un gruppo di bambini cristiani, Avevano fatto delle scritte sul muro di un istituto religioso islamico, forse disegnato una croce.

“Il nostro messaggio ai funzionari è che cristiani e musulmani sono fratelli e la frattura che c‘è stata non deve portare a un’escalation. Siamo stufi” dice un cristiano, brandendo bossoli di fucile, forse sparati dalla polizia.

La giornata di sabato è trascorsa tranquilla. Si tenta di minimizzare un episodio che, comunque, lascerà degli strascichi.

Conclude il corrispondente di euronews Mohammed Shaikhibrahim: “Nonostante i morti e i feriti che ci sono stati, cristiani e musulmani di Al Khosos affermano che quanto è avvenuto è confinato nella rivalità tra due famiglie e non rappresenta uno scontro religioso che nuocerebbe a un Paese già costretto a leccarsi numerose ferite ed è alla ricerca di unità”.