ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico: un memoriale dedicato alle vittime della guerra al narcotraffico

Lettura in corso:

Messico: un memoriale dedicato alle vittime della guerra al narcotraffico

Dimensioni di testo Aa Aa

Inaugurato a Città del Messico tra le polemiche un memoriale dedicato alle vittime e ai desaparecidos della guerra al narcotraffico.Caratterizzato da alti muri scuri, il monumento porta incise frasi che parlano di giustizia e condannano la violenza. Ognuno scrive un pensiero per ricordare le vittime.

In assenza del presidente Enrique Peña Nieto, in visita in Asia, è stato il ministro dell’Interno Miguel Angel Osorio Chong a prendere la parola all’inaugurazione, dicendo:
“Siamo convinti che questo memoriale non avrebbe mai dovuto esistere. Perché nessuno, nessuna famiglia dovrebbe sopportare il dolore della perdita di un proprio caro per colpa della violenza”.

I parenti delle vittime contestano il fatto che il progetto sia nato sotto la presidenza di Felipe Calderon, coincisa con l’inizio della sanguinosa lotta contro il narcotraffico.

“Su quale aiuto possiamo contare?” chiede la zia di un desparecido. “Non abbiamo sicurezze. I responsabili dicono solo: ‘Sì, indagheremo’; ma non fanno niente, non fanno niente”.

Secondo le autorità, la violenza legata al traffico di droga ha provocato circa 70.000 morti e 26.000 dispersi in Messico tra il 2006 e il 2012, anni durante i quali il presidente era Felipe Calderon.