ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Offshoreleaks, nel mirino il tesoriere della campagna di Hollande

Lettura in corso:

Offshoreleaks, nel mirino il tesoriere della campagna di Hollande

Dimensioni di testo Aa Aa

Prima Jerome Cahuzac, ora Jean Jacques Augier. François Hollande, già provato da sondaggi che danno la sua popolarità in netto calo visto il perdurare della crisi, si trova a dover affrontare un doppio scandalo finanziario.

Il secondo riguarda due società del tesoriere della campagna elettorale del presidente, che dal Marocco, dove era in visita, ha replicato così: “Non so niente di queste attività e, se non sono conformi alle leggi fiscali, chiederò all’amministrazione di prendere le necessarie misure”.

Augier ha ammesso di aver partecipato alla creazione di due società, rispettivamente, nel 2005 e nel 2008, con sede in un cosiddetto “paradiso fiscale”, ma nega di averne tratto benefici: “Non c‘è assolutamente niente di illegale in quello che ho fatto, lo dico in modo categorico. Non ho fatto nulla a titolo personale e non ho ottenuto alcun vantaggio fiscale dall’attività alle isole Cayman”.

Il caso è saltato fuori nella costola francese della maxi inchiesta internazionale dell’International consortium of investigative journalists (Icji), che ha portato a galla migliaia di conti off shore di presunti evasori. Circa 200 quelli italiani.

“Quando manca la trasparenza, quando vengono realizzati sistemi così complessi, è semplice per le persone fare cose illegali con questa segretezza” ha spiegato Michael Hudson, giornalista dell’Icij

Lo scandalo coinvolge anche istituti bancari europei di primaria importanza, tra cui Deutsche Bank e la svizzera Ubs. L’inchiesta coinvolge oltre 100 mila persone e ha raccolto dati su 120.000 aziende.

“I know nothing of these activities and if they don’t conform to the fiscal law, I ask the administration to take the necessary measures.”

“Il n’y a absolument rien d’illegale dans ce que j’ai fait, je suis absolument cathegorique. Je n’ai rien fait a titre personnel et par ailleur je n’ai meme pas tire aucun avantage fiscale de ce passage par les Iles Caiman”.

“When you have a lack of transparency, when you have these complex systems that are set up, it is very easy for people that are up to no good to get away with bad things when you have such ironclad secrecy.”