ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I reali spagnoli "sull'orlo di una crisi di nervi"

Lettura in corso:

I reali spagnoli "sull'orlo di una crisi di nervi"

Dimensioni di testo Aa Aa

I presunti scandali di corruzione che riguardano la monarchia spagnola hanno messo la Corona alle strette. Juan Carlos I regnerà ancora per molti anni? O abdicherà a favore del figlio Felipe? Gli spagnoli promuoveranno una riforma del modello dello Stato? Ne parliamo in questa puntata, ripercorrendo l’“annus horribilis” del sovrano, cominciato con il mea culpa, pronunciato dopo essersi recato in Botswana per un safari, mentre in Paese era in crisi.

Ora la monarchia è nell’occhio del ciclone per l’indagine sull’infanta Cristina e suo marito, Inaki Urdangarin, per un affare di presunta corruzione, cominciato a Palma di Maiorca. Qui Urdangarin ha tessuto i contatti che hanno permesso all’istituto Noos, l’ente senza scopo di lucro di cui è stato presidente, di firmare accordi con varie amministrazioni pubbliche delle Baleari. Le sue presunte attività irregolari sono state portate alla luce dall’inchiesta sul caso “Palma Arena”, uno scandalo di corruzione risalente agli anni in cui Jaume Matas, ex ministro di Aznar, è stato presidente del governo autonomo delle Baleari.

Urdangarin è accusato di evasione fiscale e altri reati, tra i quali corruzione, malversazione, riciclaggio di denaro. Fatti che hanno danneggiato la fiducia nei confronti della monarchia spagnola. Per alcuni esperti, è ora che la monarchia si trasformi, adottando come propria norma un comportamento esemplare dal punto di vista civico.