ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Banche centrali divise sull'approccio per affrontare la crisi economica

Lettura in corso:

Banche centrali divise sull'approccio per affrontare la crisi economica

Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi economica sarà anche globale ma, nella giornata in cui hanno luogo numerosi vertici di politica monetaria delle banche centrali, le soluzioni per combatterla registrano notevoli differenze.

Il Giappone, da anni è afflitto dal cronico calo dei prezzi conosciuto come “deflazione”, reimbocca la strada degli stimoli economici. Haruhiko Kuroda, al suo primo vertice da governatore della Nippon Ginko, ha annunciato una massiccia iniezione di liquidità, con l’acquisto di bond governativi anche a lunga scadenza, per riportare l’inflazione al 2% in due anni.

Una strada, quella degli stimoli, intrapresa già da tempo dalla Federal Reserve americana: nonostante un programma di acquisto di attività da ben 85 miliardi di dollari, Ben Bernanke e soci non sembrano ancora preoccupati per gli effetti inflazionistici e preferiscono concentrarsi sui benefici per l’economia reale. Si continuerà finché la disoccupazione non scenderà al 6,5%, hanno ripetuto più volte.

In Europa, al contrario, i segnali di un’economia che fatica a riprendersi non sembrano ammorbidire l’atteggiamento della Banca centrale europea. Per il nono mese di fila l’Eurotower ha lasciato i tassi invariati allo 0,75%. “Per ora”, ha sottolineato il presidente Mario Draghi, il quale lascia aperta la porta a futuri abbassamenti. Ma su un punto è stato molto chiaro: è una questione di competenza.

“Non possiamo – ha detto – sopperire alla mancanza di capitale delle banche, questo è chiaro. E neanche all’inazione dei singoli governi”.

Dopo il vertice di giovedì Draghi ha avuto modo di parlare anche della spinosa questione di Cipro. Riservando un giudizio molto duro per l’ipotesi iniziale che era stata fatta di tassare i depositi garantiti sotto i 100 mila euro: “non è stata una cosa intelligente”, ha detto. E ha specificato che il piano definitivo approvato per l’isola non è da considerarsi un modello per il futuro.