ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruxelles, ottavo round di negoziati tra Serbia e Kosovo

Lettura in corso:

Bruxelles, ottavo round di negoziati tra Serbia e Kosovo

Dimensioni di testo Aa Aa

Quali organismi e quali leggi governeranno il Kosovo del Nord? Questo l’elemento centrale dell’ottavo round di negoziati per la normalizzazione delle relazioni tra Serbia e Kosovo apertosi a Bruxelles sotto l’egida della rappresentante per la politica estera Ue, Catherine Ashton.

Ottimista il Primo Ministro kosovaro Hashim Thaci:“Siamo qui perché il Kosovo e la Serbia raggiungano un accordo in modo che questi due Paesi e l’intera regione possano avanzare verso una prospettiva europea. Pristina presenterà le sue richieste, compatibili con la costituzione e le leggi dello Stato. Siamo assolutamente a favore di un buon rapporto di vicinato e speriamo di poter giungere alla conclusione di questo momento di confronto”.

Le isitituzioni delle quattro municipalità del Kosovo del Nord sono fuori dal controllo di Pristina, come l’Alta Corte di Mitrovica, considerata da Pristina un’istituzione parallela. Per i suoi impiegati però i: il suo è un potere inutile in assenza di una forza di polizia serba. “Ci troviamo in una situazione in cui vengono prese delle decisioni a livello giuridico” ammette un funzionario serbo che aggiunge:” ma poi manca l’assistenza della polizia. Non abbiamo i mezzi per far sì che le decisioni vengano rispettate”.

Nelle centrali di polizia del Kosovo del Nord gli agenti sono per la maggior parte di origine serba privi però anche dell’autorità di far rispettare il codice stradale. A livello centrale, però, si lamenta una mancanza di cooperazione tra gli agenti.

“Le istituzioni locali, come le autorità municipali dovrebbero contribuire al miglioramento del lavoro della polizia kosovara” afferma un poliziotto kosovaro che aggiunge:“La mancanza di cooperazione fa si che siamo in ritardo con l’applicazione della legge”.

La Commissione europea pubblicherà il rapporto sui progressi compiuti da Serbia e Kosovo il 16 aprile. Dai suoi contenuti dipenderà l’avvio dei negoziati per l’accesso di Belgrado all’Ue e dell’avvio dei colloqui per un accordo di associazione con l’Ue per Pristina.