Skip to main content

Cina: 2 morti per influenza aviaria
| Condividere questo articolo
|

L’influenza aviaria torna a far paura in Cina. Le autorità di Shanghai hanno reso noto il decesso di due persone affette da un ceppo del virus che per ora non era mai stato trasmesso dall’animale all’uomo: l’H7N9.

Le vittime, 87 e 27 anni, hanno contratto il virus a fine febbraio e sono decedute a inizio marzo. Una terza persona, una donna, è in condizioni critiche.

“Sono rimasto scioccato quando ho avuto la notizia dell’aviaria perchè non se n’era più sentito parlare per tanto tempo. Mi sono molto preoccupato…già due morti per l’influenza aviaria” dice un residente di Shangai.

“Siamo preoccupati che il virus possa diffondersi ulteriormente dopo questi primi contagi” dice un altro abitante della città cinese. “Per ora pare non si possa fare nulla e non tutti sono informati e non tutti saranno in grado di prendere le dovute precauzioni”.

La Cina, il Paese al mondo con il più alto numero di allevamenti di pollame, è uno dei Paesi più vulnerabili alla diffusione dell’influenza aviaria. Il virus rappresenta tuttavia, a livello globale, un pericolo assai relativo: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità avrebbe causato la morte di 360 persone complessivamente dal 2003 ad oggi.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
| Condividere questo articolo
|

Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?